RSS

TOCAIA GRANDE – 2 PARTE

mer, lug 21, 2010

Banconote




BRASILE : TOCAIA GRANDE – II PARTE
di Leo1083

I primi anni della nuova repubblica furono caratterizzati da una grave e permanente turbolenza politica interna, anche a seguito della mancanza di esperienza e di tradizioni democratiche della nazione.

banconote

Lo stesso Manuel Deodoro da Fonseca, ( qui in una banconota da 20000 Reis, risalente alla conversione monetaria del 1942, possiamo vedere ai due lati le sovrastampe che indicano il nuovo valore in 20 Cruzeiros) che fu il primo presidente (insomma non si fa una rivolta solo per la gloria!) lo resterà solamente per 2 anni, quando in seguito ad una rivolta della marina in risposta ai suoi metodi autoritari, fu costretto a dimettersi.

banconoteL’economia del Brasile in questo periodo a cavallo dei due secoli era ormai prossima al collasso e con notevole fatica riuscì a riprendersi per l’operato di Manuel Ferraz de Campos Salles , ( qui in una banconota da 10000 Reis del 1925) divenuto presidente della Repubblica nel 1898, adottò le energiche misure indispensabili a riattivare l’economia nazionale , anche grazie a un consistente prestito internazionale, che rafforzò le finanze brasiliane e dette respiro alla produzione e agli scambi commerciali.

Incisero profondamente sulla crescita economica, l’aumento delle esportazioni di caffè, caucciù e altre materie prime: nel bene e nel male, l’economia brasiliana risentirà sempre dell’andamento di questi prodotti sul mercato mondiale.

banconoteLe emissioni di cartamoneta in questo periodo sono connotate da una grande varietà di tipologie diverse, stampate dell’American Bank Note Company, (banconota da 1000 Reis del 1918) dalla brasiliana Casa de Moneda

banconote

(banconota da 2000 Reis del 1920 raffigurante Joaquin Murtinho) e occasionalmente dalle inglesi Bradbury Wilinson & Co. e Waterloo & Sons Ltd.

Il periodo della Prima Repubblica (1889-1930) fu caratterizzato da una è lite politica, costituita da un “gruppo di notabili”, che eleggeva ogni quattro anni il presidente della Repubblica: le elezioni, all’insegna della frode e dell’inganno, in quanto il voto non era segreto, contavano una bassa frequenza di elettori, che oscillava tra l’1 ed il 5 % della popolazione. Nell’Ottobre del 1930 una rivoluzione portò al potere un politico proveniente dall’attuale Stato di Rio Grande do Sul: Getùlio Vargas.

banconote

(Vargas raffigurato in un biglietto da 10 Cruzeiros del 1943)

Il suo nome si associa con la modernizzazione del paese e un cambiamento di stile nella politica, attraverso il quale il “gruppo di notabili” cedette il passo ad una “presidenza carismatica”. Vargas giocò il suo ruolo politico nel paese come capo di un Governo Provvisorio (1930-1934), come Presidente eletto con voto indiretto del Congresso (1934-1937) e come dittatore, dopo il colpo di stato dell’Estado Novo (1937-1945).

Il nuovo regime fu ufficialmente denominato Estado Novo (stato nuovo). Una serie di decreti estese e migliorò l’assistenza ai lavoratori delle piantagioni, garantendo a Vargas il consenso di gran parte della popolazione. Il carattere totalitario del suo regime non gli impedì peraltro di mantenere buone relazioni con gli Stati Uniti e le altre democrazie occidentali. Intervenuto a fianco degli Alleati nella seconda guerra mondiale (un corpo di spedizione brasiliano operò anche in Italia nel 1944-45)

banconote

(soldati brasiliani sulla linea Gotica) e ottenuto in questo modo il rinnovato sostegno del potente vicino statunitense, il regime di Vargas fu in grado di lanciare un vasto programma di espansione industriale, basato sulla produzione della gomma e di altre materie prime indispensabili alla produzione bellica. Sul piano interno, tutte le restrizioni alle attività politiche furono gradualmente rimosse, e nell’immediato dopoguerra furono annunciate libere elezioni in vista delle quali fu decretata un’amnistia per tutti i prigionieri politici.

Durante la campagna elettorale alcune disposizioni di Vargas fecero temere l’aprirsi di una nuova fase totalitaria del regime, così che nell’ottobre del 1945 un colpo di stato militare lo obbligò alle dimissioni.

Intanto sotto la sua presidenza ( o dittatura) nel 1942 era avvenuta la prima (di una lunga serie) conversione monetaria nella storia del Brasile indipendente, la nuova valuta si sarebbe chiamata Cruzeiro con il rapporto di 1000= 1 con il vecchio Reis.

banconote

(Vecchia banconota da 5000 Reis con sovrastampato il nuovo valore; al centro l’immagine di B. do Rio Branco)

“Fine seconda parte”




Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Leave a Reply